Responsabilità dell’avvocato per mancata tempestiva proposizione del ricorso per cassazione
Pubblicato il 24/03/17 08:02 [Doc.2760]
di Redazione IL CASO.it



Cass. civ., sez. III, 23 marzo 2017.

Avvocato - Contratto di patrocinio - Onere della prova - Responsabilità del professionista per mancata tempestiva proposizione del ricorso per cassazione

Qualora il cliente abbia fornito la prova della conclusione del contratto di patrocinio, con il conferimento dell'incarico all'avvocato di proporre azione in giudizio in primo ed in secondo grado, non è necessario il conferimento di ulteriore mandato per agire in sede di legittimità, della cui prova sia gravato il cliente. La sola circostanza che questi non abbia rilasciato la procura speciale richiesta allo scopo non esclude la responsabilità del professionista per mancata tempestiva proposizione del ricorso, gravando sull'avvocato l'onere di provare di aver sollecitato il cliente a fornire indicazioni circa la propria intenzione di proporre o meno ricorso per cassazione avverso la sentenza sfavorevole di secondo grado e di averlo informato di questo esito e delle conseguenze dell'omessa impugnazione, nonché l'onere di provare di non aver agito in sede di legittimità per fatto a sé non imputabile (quale il rifiuto di impugnare o di sottoscrivere la procura speciale da parte del cliente) ovvero per la sopravvenuta cessazione del rapporto contrattuale».

Massima a cura di Redazione IL CASO.it


© Riproduzione Riservata