Inapplicabilità della disciplina cd. antiusura alla clausola penale
Pubblicato il 14/06/17 05:47 [Doc.3216]
di Redazione IL CASO.it




Ordinanza del Tribunale di Treviso, II^ Sez. Civ., del 7/1/2016; R.G. n. 8824/15, Giudice Estensore dott.ssa Elena Rossi

Segnalazione e massima a cura dell'avv. Nicola Vascellari di Vittorio Veneto (TV)

Clausola Penale – Leasing - Disciplina cd. Antiusura - Inapplicabilità

Non può ricomprendersi nelle remunerazioni da considerare ai fini della verifica del superamento del cosiddetto “tasso soglia” anche la somma dovuta a titolo di penale per l'inadempimento, in quanto essa non incide sul calcolo del tasso di interesse praticato, considerato che si tratta di una somma predeterminata, se pure in proporzione alla somma rimasta inadempiuta, la quale, pur avendo una funzione assimilabile a quella degli interessi moratori, ha natura diversa rispetto agli interessi in genere, la cui caratteristica peculiare è il maturare con il passare del tempo, caratteristica che non si riscontra nella penale.

Conferma tale interpretazione la possibilità concessa al debitore di chiedere giudizialmente la riduzione ad equità della penale che sia "eccessiva", avuto sempre riguardo all’interesse che il creditore aveva all’adempimento.


© Riproduzione Riservata