Surrogazione di maternità: il disconoscimento presuppone sempre che sia valutato il superiore interesse del minore
Pubblicato il 28/12/17 00:00 [Doc.4069]
di Dott. Giuseppe Buffone, Magistrato



Corte Costituzionale, sentenza 18 dicembre 2017 n. 272 (Pres. Grossi, est. Amato)

MINORE NATO DA MATERNITÀ SURROGATA - AZIONE EX ART. 263 C.C. - INTERESSE SUPERIORE DEL BAMBINO - CONSIDERAZIONE - SUSSISTE (art. 263 c.c.)
Non è fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 263 del codice civile, sollevata dalla Corte d'appello di Milano, in riferimento agli artt. 2, 3, 30, 31 e 117, primo comma, della Costituzione, quest'ultimo in relazione all'art. 8 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, firmata a Roma il 4 novembre 1950, ratificata e resa esecutiva con la legge 4 agosto 1955, n. 848. L'affermazione della necessità di considerare il concreto interesse del minore in tutte le decisioni che lo riguardano è fortemente radicata nell'ordinamento sia interno, sia internazionale e questa Corte, sin da epoca risalente, ha contribuito a tale radicamento. Non si vede conseguentemente perché, davanti all'azione di cui all'art. 263 cod. civ., fatta salva quella proposta dallo stesso figlio, il giudice non debba valutare: se l'interesse a far valere la verità di chi la solleva prevalga su quello del minore; se tale azione sia davvero idonea a realizzarlo (come è nel caso dell'art. 264 cod. civ.); se l'interesse alla verità abbia anche natura pubblica (ad esempio perché relativa a pratiche vietate dalla legge, quale è la maternità surrogata, che offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane) ed imponga di tutelare l'interesse del minore nei limiti consentiti da tale verità.


© Riproduzione Riservata