Data certa del documento digitale, contestazione e onere della prova a carico del curatore
Pubblicato il 12/01/18 00:00 [Doc.4114]
di Redazione IL CASO.it



Fallimento - Accertamento del passivo - Data certa - Documento digitale - Validazione temporale - Contestazione - Onere della prova a carico del curatore

E' onere della parte interessata a negare la certezza della data - e dunque, nel giudizio di opposizione a stato passivo, ├Ę onere del curatore fallimentare allegare e provare la violazione delle regole tecniche sulla validazione temporale, al rispetto delle quali l'art. 20, comma 3, cod. amm. digitale subordina l'opponibilit├á ai terzi della data (e dell'ora) apposta al documento informatico da certificatore accreditato e iscritto nell'elenco di cui all'art. 29, comma 6, cod. cit. (nel testo anteriore alle modifiche introdotte dal D.Lgs. n. 179 del 2016), e tale allegazione in fatto non pu├▓ essere effettuata per la prima volta nel giudizio di rinvio.


© Riproduzione Riservata