Bancarotta fraudolenta per sistematico omesso pagamento di imposte
Pubblicato il 31/01/18 00:00 [Doc.4202]
di Redazione IL CASO.it



2.3. Un costante orientamento di questa Corte, dedicato alla tecnica di autofinanziamento mediante sistematico ricorso all'omissione del pagamento di imposte e contributi, afferma che in tema di bancarotta fraudolenta fallimentare, le operazioni dolose di cui all'art. 223, comma 2, n. 2, L. Fall. possono consistere nel mancato versamento dei contributi previdenziali con carattere di sistematicità (Sez. 5, n. 15281 del 08/11/2016 - dep. 2017, Bottiglieri, Rv. 270046; Sez. 5, n. 12426 del 29/11/2013 - dep. 2014, P.G. e p.c. in proc. Beretta e altri, Rv. 259997).
In particolare, le operazioni dolose di cui all'art. 223, comma 2, n. 2, L. Fall., attengono alla commissione di abusi di gestione o di infedelt├á ai doveri imposti dalla legge all'organo amministrativo nell'esercizio della carica ricoperta, ovvero ad atti intrinsecamente pericolosi per la "salute" economico-finanziaria della impresa e postulano una modalit├á di pregiudizio patrimoniale discendente non gi├á direttamente dall'azione dannosa del soggetto attivo (distrazione, dissipazione, occultamento, distruzione), bens├Č da un fatto di maggiore complessit├á strutturale riscontrabile in qualsiasi iniziativa societaria implicante un procedimento o, comunque, una pluralit├á di atti coordinati all'esito divisato. (In applicazione del principio, ├Ę stata ritenuta corretta la qualificazione di operazione dolosa data nella sentenza impugnata al protratto, esteso e sistematico inadempimento delle obbligazioni contributive, che, aumentando ingiustificatamente l'esposizione nei confronti degli enti previdenziali, rendeva prevedibile il conseguente dissesto della societ├á; Sez. 5, n. 47621 del 25/09/2014, Prandini e altri, Rv. 261684).
Il fallimento determinato da operazioni dolose configura un'eccezionale ipotesi di fattispecie a sfondo preterintenzionale; l'onere probatorio dell'accusa si esaurisce nella dimostrazione della consapevolezza e volont├á della natura dolosa dell'operazione alla quale segue il dissesto, nonch├Ę dell'astratta prevedibilit├á di tale evento quale effetto dell'azione antidoverosa, non essendo necessarie, ai fini dell'integrazione dell'elemento soggettivo, la rappresentazione e la volont├á dell'evento fallimentare. (Sez. 5, n. 17690 del 18/02/2010, Cassa Di Risparmio Di Rieti S.p.a. e altri, Rv. 247315; Sez. 5, n. 45672 del 01/10/2015, Lubrina e altri, Rv. 265510).


© Riproduzione Riservata