Consenso verbale del proprietario di un fondo alla costruzione di una terrazza a distanza illegale
Pubblicato il 03/10/18 00:00 [Doc.5213]
di Redazione IL CASO.it



RAPPORTI DI VICINATO - DISTANZE LEGALI - Costruzione di una terrazza a distanza illegale - Consenso verbale espresso dal proprietario del fondo vicino - Inidoneità alla costituzione della servitù - Necessità della forma scritta "ad substantiam" - Prova testimoniale articolata sul punto - Inammissibilità - Fattispecie.

Il consenso espresso verbalmente dal proprietario di un fondo alla costruzione da parte del vicino di una terrazza a distanza illegale ├Ę inidoneo alla costituzione di un vincolo di natura reale, essendo prescritta per la costituzione delle servit├╣ la forma scritta "ad substantiam" (art. 1350, n. 4, c.c.), con la conseguenza che ├Ę inammissibile la prova testimoniale articolata sul punto. (In applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha escluso che i convenuti avrebbero potuto provare con testimoni l'esistenza di un accordo volto a consentire il posizionamento di un muro invadendo per mt. 0,75 il fondo confinante).


© Riproduzione Riservata