Per il fideiussore estraneo all'attività dell'impresa garantita vale il Foro del Consumatore
Pubblicato il 03/12/18 00:00 [Doc.5576]
di Redazione IL CASO.it



Segnalazione e massima a cura dell'Avv. Gianni Betti

Competenza territoriale - Fideiussore estraneo all'attività imprenditoriale del debitore garantito - Qualifica di Consumatore e conseguente applicazione del Foro del Consumatore

Per individuare il requisito soggettivo della qualità di consumatore nel fideiussore è inconferente il solo richiamo alla posizione del debito garantito; in mancanza di elementi di fatto idonei a verificare se vi siano collegamenti funzionali tra garanzia prestata e debito se il fideiussore non ha sottoscritto l'atto di coobbligazione nella veste di professionista e risulti estraneo all'attività imprenditoriale esercitata dal debitore principale, si deve ritenere che egli rivesta la qualità di consumatore.

Il mero rapporto di coniugio o di parentela tra i fideiussori e i soci del debitore garantito non è sufficiente ad escludere la qualifica di consumatore in capo al fideiussore.

La deroga convenzionale della competenza territoriale prevista nelle fideiussioni è nulla ex art. 33 del Codice del Consumo in mancanza di prova (a carico della Banca) circa lo svolgimento di una trattativa individuale sulla relativa clausola.

[Nella fattispecie, il Tribunale ha accolto l'eccezione di incompetenza territoriale per nullità della deroga contrattuale al cd. foro del consumatore, annullando il decreto ingiuntivo emesso nei confronti dei fideiussori a garanzia di un debito di una società commerciale]


© Riproduzione Riservata