Reati finanziari: per la sospensione delle sanzioni la tutela del lavoro dell'operatore prevale sull'interesse generale della Consob
Pubblicato il 06/03/19 08:48 [Doc.6031]
di Redazione IL CASO.it



Segnalazione dell'Avv. Lorenzo Del Giudice

Ai fini della decisione sulla sospensione dell'esecuzione del provvedimento sanzionatorio assunto dalla Consob, deve riconoscersi maggiore valenza all'interesse del ricorrente alla tutela della sua attività lavorativa e al pregiudizio economico che dovrebbe sopportare in caso di esecuzione, rispetto all'interesse della Consob all'immediata esecuzione delle sanzioni inflitte.

[Nella fattispecie, la Corte riteneva la sussistenza del periculum in mora con particolare riguardo alla misura interdittiva accessoria della perdita dei requisiti di onorabilità e dell'incapacità temporanea ad assumere incarichi di amministrazione, direzione e controllo nell'ambito di società quotate, in quanto non avrebbero permesso al ricorrente di esercitare la sua professione di consulente finanziario finendo per cagionargli un pregiudizio definitivo e comunque assai difficilmente rimediabile in termini di perdita di clienti, di avviamento professionale e di occasioni future di lavoro.]


© Riproduzione Riservata