Rinuncia all'azione: non è sufficiente il mandato 'ad litem'
Pubblicato il 09/03/19 00:00 [Doc.6033]
di Redazione IL CASO.it



La rinuncia all'azione, ovvero all'intera pretesa azionata dall'attore nei confronti del convenuto, costituisce un atto di disposizione del diritto in contesa e richiede, in capo al difensore, un mandato "ad hoc", senza che sia a tal fine sufficiente quello "ad litem", in ciò differenziandosi dalla rinuncia ad una parte dell'originaria domanda, che rientra fra i poteri del difensore quale espressione della facoltà di modificare le domande e le conclusioni precedentemente formulate.


© Riproduzione Riservata