Nella liquidazione il sovraindebitato ha diritto a trattenere la pensione entro i limiti di legge, malgrado i favorevoli trattamenti pensionistici di cui beneficia il coniuge.
Pubblicato il 03/06/19 10:20 [Doc.6305]
di Astorre Mancini, Avvocato del Foro di Rimini



Tribunale di Pesaro 13 maggio 2019 - pres. dr.ssa Flavia Mazzini

Nella liquidazione il sovraindebitato ha diritto a trattenere la pensione entro i limiti di legge, malgrado i favorevoli trattamenti pensionistici di cui beneficia il coniuge.

Segnalazione dell'avv. Maria Michela Massanelli del Foro di Pesaro

Sovraindebitamento - Liquidazione del patrimonio - Crediti impignorabili ex art. 545 c.p.c. - Pensione del sovraindebitato - Diritto a trattenerla nei limiti di legge - Sussistenza - Condizioni

L'art. 14 ter sesto comma lett. b) l. 3/2012 prescrive che debba essere sottratta alla liquidazione - nei limiti fissati dal giudice - quanto il debitore guadagni con la propria pensione; la norma, pertanto, non pare consentire, letta anche in combinato disposto con la lett. a) del medesimo comma, una totale eliminazione di introiti strettamente "personali", come la pensione, in ragione della presenza di un sostentamento che derivi al debitore non da altri proventi di cui egli sia diretto titolare (ci├▓ che escluderebbe ragionevolmente la necessit├á di riservare la pensione al debitore che abbia altri redditi propri) ma solo in ragione del generale diritto all'assistenza ex art. 143 c.c. derivante dalla propria qualit├á di coniuge. ├ł del tutto ovvio, tuttavia, che si debba considerare certamente anche la posizione economica del coniuge, ma ci├▓ ai soli fini, eventualmente, di ridimensionare e modulare la porzione di redditi da escludere dalla procedura, fermo pur sempre il limite dell'impignorabilit├á di cui all'art. 545 c.p.c. Va dunque riconosciuto al sovraindebitato il diritto di trattenere la pensione di cui risulti titolare entro i limiti di impignorabilit├á prevista per tali emolumenti dall'art. 545 c.p.c., e ci├▓ a prescindere dai trattamenti pensionistici di cui beneficia il coniuge.



© Riproduzione Riservata