Nullità del conferimento in natura e azioni restitutorie proponibili nei confronti della società fallita
Pubblicato il 05/12/18 00:00 [Doc.5610]
di Francesco Mainetti, Avvocato



Tribunale Civitavecchia, 19 novembre/3 dicembre 2018, decreto - Rel. Alessandra Dominici

Azione restitutoria - Conferimento nullo - Competenza tribunale fallimentare - Sussiste.

La domanda svolta dal socio della società fallita nei confronti del Fallimento e diretta a ottenere l'accertamento della nullità di un conferimento in natura (nella specie per impossibilità dell'oggetto perché relativo a un bene gravato da uso civico) effettuato dal socio quando la società era in bonis e la restituzione dell'immobile oggetto del conferimento costituisce azione derivante dal fallimento perché incidente sul patrimonio della fallita e, come tale, è attratta alla competenza funzionale del Tribunale fallimentare e proponibile nelle forme della domanda di ammissione al passivo (Avv. Francesco Mainetti) (riproduzione riservata)

Società per azioni - Aumento di capitale sociale con conferimento in natura - Accertamento nullità conferimento - Impugnazione delibera - Esclusione.

L'accertamento della nullità di un conferimento sociale (nella specie per impossibilità dell'oggetto perché relativo a un bene gravato da uso civico) effettuato in sede di aumento di capitale non implica l'impugnazione della delibera assembleare di aumento di capitale e il rispetto dei relativi termini di legge, essendo proponibile in via autonoma attesa la natura negoziale dell'atto di conferimento (Avv. Francesco Mainetti) (riproduzione riservata)




© Riproduzione Riservata