Il creditore pignoratizio condannato a retrocedere alla curatela l'importo incamerato deve essere ammesso al passivo in via privilegiata pignoratizia
Pubblicato il 10/07/19 08:58 [Doc.6458]
di Redazione IL CASO.it



Segnalazione e massima a cura dell'Avv. Edoardo STAUNOVO-POLACCO

Qualora, a seguito del positivo esperimento di un'azione revocatoria fallimentare, il creditore pignoratizio che abbia escusso la garanzia sia condannato a retrocedere alla curatela l'importo incamerato, lo stesso ha diritto ad insinuarsi al passivo, ai sensi dell'art. 70, secondo comma, l. fall., in via privilegiata pignoratizia sulla somma versata per effetto della revoca.


© Riproduzione Riservata