L'impatto del Covid-19 sui fallimenti e le uscite dal mercato delle imprese italiane
Pubblicato il 25/01/22 08:59 [Doc.10151]
di Redazione IL CASO.it



Nel 2020 il numero delle #imprese italiane fallite o uscite dal mercato è stato inferiore al 2019, tendenza confermata nel 2021. Una nota #Covid #Bankitalia ne analizza l'andamento, valutando anche il ruolo di alcune misure di sostegno adottate dal governo

Oltre alla sospensione delle istanze di fallimento questa riduzione è riconducibile a un ampio insieme di misure di sostegno alle imprese come moratoria sul rimborso dei prestiti, garanzie pubbliche su nuovi prestiti, contributi a fondo perdut

È online la Nota "L'impatto del Covid-19 sui fallimenti e le uscite dal mercato delle imprese italiane", curata da ricercatori della Banca d'Italia.

La pandemia da Covid-19 ha avuto un impatto significativo sull'economia italiana, con un calo del PIL dell'8,9 percento nel 2020. Tuttavia, rispetto al 2019, nel 2020 si sono verificati meno fallimenti e, più in generale, meno uscite dal mercato, una tendenza confermata anche nel 2021. In aggiunta alla sospensione delle istanze di fallimento, tale riduzione è riconducibile a un ampio insieme di misure di sostegno alle imprese adottate dal governo. Il ricorso alle diverse misure di supporto è stato più intenso nei settori produttivi maggiormente colpiti dallo shock economico conseguente al Covid. Coerentemente, le variazioni di fallimenti e uscite dal mercato nei diversi settori produttivi non appaiono significativamente correlate con l'intensità dello shock economico.

Leggi lo studio:
https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/note-covid-19/2022/nota_covid_fallimenti_ita_24_gen_2022.pdf


© Riproduzione Riservata