Prima pronuncia della Cassazione sulla responsabilità 231 per reati tributari
Pubblicato il 09/05/22 17:18 [Doc.10599]
di Redazione IL CASO.it



Maria Teresa De Luca
Avvocato - Abilitata al patrocinio avanti le Magistrature Superiori - Esperta in diritto bancario e esecuzioni immobiliari - Autrice di testi giuridici - Autrice di pubblicazioni anche su Riviste di fascia A

Cassazione Penale, Sez. III, 27 gennaio 2022, n. 16302 - Pres. Petruzzellis, Rel. Di Nicola

Con questa sentenza la Corte di Cassazione ha riconosciuto la responsabilità dell'illecito previsto dagli artt. 5 lett. a), 6 lett. a), 25-quinquiesdecies d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231 poiché i vertici di una società di trasporti, attuavano l'illecito penale di cui all'art. 2 d.lgs. 10 marzo 2000, n. 74 nell'interesse e a vantaggio della società.

Si sottolinea, in particolare, che la società non assumeva i lavoratori di cui necessitava per erogare i propri servizi, ma erogava la prestazione impiegando la forza lavoro fornita da una serie di altri soggetti, attraverso la stipulazione di contratti che avevano la forma giuridica dell'appalto, mediante un'interposizione di manodopera.


© Riproduzione Riservata