Azione di risoluzione promossa prima del fallimento funzionale alla condanna alla restituzione o al risarcimento del danno
Pubblicato il 18/02/20 07:24 [Doc.7221]
di Redazione IL CASO.it



Segnalazione e massima dell'Avv. Francesco Dimundo

L'art. 72 comma 5 l. fall. consente di proseguire nei confronti del curatore soltanto la domanda di risoluzione contrattuale che sia stata proposta prima del fallimento della controparte al mero fine di ottenere lo scioglimento del contratto, mentre, qualora la domanda risolutoria sia stata proposta (prima del fallimento della controparte) per ottenere, oltre allo scioglimento del vincolo contrattuale, anche il risarcimento del danno o la restituzione delle prestazioni già eseguite, la suddetta domanda risolutoria va riproposta, unitamente alle domande risarcitorie o restitutorie, dinanzi al Tribunale fallimentare ed è assoggettata al procedimento di cui agli artt. 92 ss l. fall.


© Riproduzione Riservata