Condomìni, entro il 9 marzo i dati sulle spese per il recupero edilizio
Pubblicato il 04/03/20 08:25 [Doc.7288]
di Fisco Oggi - Agenzia delle Entrate



28 Febbraio 2020
Più tempo a disposizione degli amministratori, il fine è consentire la trasmissione di informazioni più affidabile ed esaurienti. La proroga riguarda esclusivamente i costi relativi al 2019

Slitta dal 28 febbraio al 9 marzo 2020 il termine entro il quale gli amministratori di condominio dovranno trasmettere all'anagrafe tributaria i dati relativi alle spese sostenute, nel 2019, dal condominio, per gli interventi di recupero edilizio e riqualificazione energetica, e per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all'arredo delle parti comuni. La proroga è prevista dal provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate del 28 febbraio 2020.

Il differimento va incontro alle esigenze manifestate da una associazione di categoria che, in rappresentanza dei suoi iscritti, ha chiesto un ampliamento dei termini con lo scopo di assicurare la trasmissione di informazioni il più possibile corrette e complete ai fini della predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata. A motivare il rinvio, inoltre, la modifica delle specifiche tecniche per la trasmissione dei dati, variate rispetto a quelle utilizzate lo scorso anno.


© Riproduzione Riservata