Covid-19 e cessione crediti d'imposta: bonus vacanze, spese di sanificazione e per l'adeguamento degli ambienti di lavoro
Pubblicato il 21/04/21 08:17 [Doc.9000]
di Redazione IL CASO.it



Recenti disposizioni normative hanno introdotto nel nostro sistema tributario delle alternative all'utilizzo diretto, da parte dei beneficiari, delle detrazioni fiscali. Per determinate tipologie di spese per interventi edilizi, per esempio, ├Ę stata prevista la possibilit├á di usufruire, in alternativa alla detrazione, di un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, di importo non superiore al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati. Per queste stesse spese e per quelle sostenute dai contribuenti in seguito alla diffusione della situazione emergenziale da Covid-19 (spese di sanificazione, per acquisto di dispositivi di protezione, di adeguamento dei luoghi di lavoro), ├Ę stata introdotta anche la possibilit├á di cedere ad altri soggetti il credito d'imposta spettante. Chi riceve il credito ha, a sua volta, facolt├á di cederlo ulteriormente, oppure pu├▓ utilizzarlo in compensazione nel modello F24. Per sfruttare tali possibilit├á ├Ę necessario che l'interessato lo comunichi all'Agenzia delle entrate, mediante l'invio telematico di un apposito modello nel quale esercitare l'opzione per lo sconto o la cessione. Proprio per gestire al meglio le ulteriori cessioni di questi crediti, l'Agenzia delle entrate ha messo a punto un'apposita procedura web, denominata "Piattaforma Cessione Crediti", nella quale far confluire tutti i vari passaggi dei crediti d'imposta "cedibili" a terzi. L'obiettivo di questa guida ├Ę quello di illustrare il funzionamento della piattaforma, presente nell'area riservata del sito dell'Agenzia.

Scarica la guida: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Piattaforma_Cessioni+Crediti.pdf/6101752a-55f3-ae11-c0d3-613e80202683


© Riproduzione Riservata