Obbligo di rendiconto da parte dell'amministratore di condominio revocato giudizialmente
Pubblicato il 18/09/21 00:00 [Doc.9630]
di Redazione ILCASO.it



Cass. Civ., Sez. 2 - , Ordinanza n. 19436 del 08/07/2021

Amministratore revocato giudizialmente - Obbligo di rendiconto - Sussistenza - Regime di "prorogatio" o "perpetuatio" dell'amministrazione revocato - Esclusione - Fondamento.

L'amministratore del condominio, che sia stato revocato dall'autorit├á giudiziaria, ├Ę tenuto, ai sensi dell'art. 1713 c.c., a rendere il conto della sua gestione e a rimettere ai condomini tutto ci├▓ che ha in cassa, indipendentemente dall'esercizio cui le somme si riferiscono, ancorch├ę non operi, in tal caso, alcuna "perpetuatio" o "prorogatio" di poteri in capo ad esso, non essendo ravvisabile una presunta volont├á conforme dei condomini in tal senso ed essendo anzi la revoca espressione di una volont├á contraria alla conservazione dei poteri di gestione.


© Riproduzione Riservata