Cartabia: "L'Ufficio per il processo, ponte tra generazioni"
Pubblicato il 22/09/21 00:00 [Doc.9646]
di Redazione IL CASO.it



di Fiorenza Elisabetta Aini

"L'Ufficio per il processo consentirà di creare un ponte tra generazioni riversando sul sistema giudiziario tutta la ricchezza dell'incontro fra l'esperienza di coloro che frequentano da anni le aule dei tribunali e la freschezza, oltre che l'entusiasmo, di chi ha appena concluso il suo percorso formativo universitario". Una freschezza quella che la ministra della Giustizia Marta Cartabia sembra invocare nei giovani, pronti a confrontarsi con il futuro, durante la sua visita a Perugia, prima in Corte d'Appello e poi presso l'Università degli Studi.

Durante la presentazione del progetto "Giovani per la Giustizia: l'occasione dell'ufficio del processo" la ministra ha sottolineato ancora una volta quanto questa occasione costituisca una vera opportunità da cogliere: "Se c'è qualcosa in cui veramente mi riconosco - ha aggiunto - è questo ufficio del processo, che introduce un cambio di paradigma nel modo di lavorare: dalla solitudine del magistrato a un lavoro di squadra. E' l'incontro tra l'esperienza, la saggezza di chi ha camminato nelle aule giudiziarie da più tempo e la freschezza degli studi, l'entusiasmo dell'età e le novità e i modi diversi di formazione a cui sono stati esposti le giovani generazioni. Non c'è un meglio o un peggio tra il giovane e l'anziano, c'è la ricchezza dell'incontro tra le generazioni" - ha sottolineato rivolgendosi ai ragazzi.

Riferendosi poi alla città di Perugia, ha voluto ricordare come essa sia una città davvero ricca di storia, nelle sue vie e nei suoi palazzi, perché ricca di tradizione: "Anche la giustizia italiana è una giustizia che vanta una storia molto nobile, molto antica, molto ricca di cultura e di profondità. Una storia gloriosa di cui andare fieri".

Dopo Milano, Catania, Firenze, Napoli e Venezia, la ministra sarà a Bari, il 28 settembre per l'UPP.


© Riproduzione Riservata