Cassazione: sull'abusiva concessione di credito secondo il Codice della Crisi d'Impresa
Pubblicato il 24/09/21 00:00 [Doc.9655]
di Redazione IL CASO.it



Segnalazione e massime a cura dell'Avv. Monica Mandico.

Il curatore fallimentare è legittimato ad agire contro la banca per la concessione abusiva del credito qualificabile quando l'istituto bancario eroghi credito con dolo o colpa ad impresa in stato di difficoltà economico-finanziaria ed in mancanza di concrete prospettive di superamento della crisi, integrandosi così un illecito del soggetto finanziatore per essere venuto meno ai suoi doveri primari, ed obbligando il medesimo al risarcimento del danno, ove ne discenda l'aggravamento del dissesto favorito dalla continuazione dell'attività d'impresa.

Diversamente, non integra abusiva concessione di credito la condotta della banca che abbia erogato credito, pur al di fuori di una formale procedura di risoluzione della crisi, ad un'impresa suscettibile secondo una concreta valutazione ex ante di superare lo stato di crisi o di permanere sul mercato.


© Riproduzione Riservata