Illegittima la revoca dei trattamenti assistenziali dei condannati per mafia e terrorismo che scontino la pena fuori dal carcere
Pubblicato il 02/07/21 18:32 [Doc.9378]
di Corte Costituzionale



Ufficio Stampa della Corte costituzionale
Comunicato del 2 luglio 2021

Contrasta con gli articoli 3 e 38 della Costituzione la revoca delle prestazioni assistenziali, fondate sullo stato di bisogno, ai condannati in via definitiva per reati di mafia o terrorismo, i quali stiano scontando la pena in modalit├á alternativa alla detenzione. ├ł irragionevole che lo Stato valuti un soggetto meritevole di accedere a tale modalit├á di detenzione e lo privi dei mezzi per vivere, quando questi sono ottenibili solo dalle prestazioni assistenziali. Sebbene queste persone abbiano gravemente violato il patto di solidariet├á sociale che ├Ę alla base della convivenza civile, attiene a questa stessa convivenza civile che ad essi siano comunque assicurati i mezzi necessari per vivere.

In allegato il comunicato integrale e la sentenza


© Riproduzione Riservata