Internati nelle case-lavoro: si puo' applicare il 41 bis ma va sempre garantita la possibilita' di lavorare
Pubblicato il 22/10/21 00:00 [Doc.9801]
di Corte Costituzionale



Le speciali restrizioni previste dall'articolo 41 bis dell'ordinamento penitenziario sono applicabili anche agli internati, cioè alle persone considerate socialmente pericolose e, in quanto tali, soggette, dopo l'espiazione della pena in carcere, alla misura di sicurezza detentiva dell'assegnazione a una casa di lavoro. Tuttavia, proprio in considerazione della specifica natura di quest'ultima misura, e alla luce dei principi costituzionali di ragionevolezza e di finalità rieducativa, il trattamento differenziale previsto dall'articolo 41 bis deve adattarsi alla condizione dell'internato e consentirgli di svolgere effettivamente un'attività lavorativa.

Leggi il comunicato in allegato


© Riproduzione Riservata